Innovazione e sicurezza

Laurini Officine Meccaniche lancia la nuova frantumatrice Hammer

Dopo il grande successo della macchina Vulcano 2.0, vaglio vibrante su carro cingolato semovente radiocomandato, di cui sono state prodotte più di 100 unità impiegate nei cantieri di tutto il mondo, Laurini Officine Meccaniche lancia la nuova frantumatrice Hammer. Dopo una lunga ed attenta ricerca per ottimizzare la funzionalità della macchina, Laurini Officine Meccaniche si distingue ancora una volta a livello internazionale per la forza innovatrice delle sue invenzioni, nonché per l'efficacia e la sicurezza che i suoi prodotti offrono e garantiscono. A seguito di numerose e positive prove del prototipo su vari cantieri in Italia, c'è stato un incremento di richieste per la nuova Hammer, frantumatrice per il letto di posa e rinterro delle tubazioni. Ad oggi, infatti, con grande soddisfazione dei clienti, i primi dieci esemplari di Hammer sono presenti in differenti Paesi, tra cui Albania, Grecia, Turchia, Tunisia e Perù. Adattabile a molteplici terreni, la macchina è dotata di un carro cingolato robusto e idoneo a lavorare nelle pendenze ripide fino ad un'inclinazione del 70%. Referenza positiva che contribuisce ad incrementare la fama dei macchinari Laurini Officine Meccaniche nel settore delle macchine movimento terra e pipeline, rispetto all'utilizzo fatto finora, è la capacità della frantumatrice Hammer di triturare grossi pezzi di roccia e trasformarli in sabbia fine, scaricata direttamente nello scavo. Una qualità rivoluzionaria che ha fatto lievitare il portafoglio di ordini relativi proprio a questa macchina.
"Le principali caratteristiche della nostra nuova Hammer sono una produzione che arriva a 150 m3/h, senza la presenza necessaria di un operatore esperto, una granulometria minima in uscita di 0-15 mm e una pezzatura massima in ingresso fino a 500 mm" ha affermato Marco Laurini, Presidente di Laurini Officine Meccaniche. "Il motore poi è Caterpillar da 440 Hp con emissioni in linea con la normativa EPA Tier 4 Final per High Regulated Countries e con la normativa EPA Tier 3 per Low Regulated Countries. Il nostro team, proprio per garantire le migliori performance dei clienti, basa il proprio lavoro su innovazione, sicurezza e tecnologia. La durata e il rendimento nel tempo di una macchina Laurini dipendono da una filosofia aziendale consapevole e attenta, radicata per affrontare con determinazione scenari mutevoli e richieste sempre più esigenti provenienti da mercati consolidati ed emergenti" ha concluso Marco Laurini.

REALTÀ VIRTUALE E AVANGUARDIA TECNICA PER LAURINI OFFICINE MECCANICHE
Laurini Officine Meccaniche ha testato con successo il rivoluzionario sistema di posa automatico LLS - Laurini Laying System, presentato in anteprima lo scorso aprile ad Amsterdam presso il convegno “The Novel Construction Initiative Spring Plenary Session” di IPLOCA. Un macchinario davvero innovativo che pone come obiettivo primario la sicurezza sul lavoro: la struttura è dotata di due cingoli - uno che lavora nello scavo e uno sulla pista - che sostituiscono l’utilizzo del braccio meccanico e dei cavi per sollevare a sbalzo i carichi sospesi, garantendo così la stabilità della macchina e azzerando il rischio di rovesciamento. Laurini Laying System, inoltre, rappresenta un notevole passo in avanti anche in fatto di ecosostenibilità ambientale: avvicinandosi allo scavo, riduce la carreggiata dei lavori di almeno 3 metri, con la conseguente diminuzione di terreno da disboscare e piantumare. Un sistema ideale ed efficace per contenere le emissioni di CO2, circa 30 miliardi di tonnellate ogni anno, provocate principalmente dalla combustione e dalla deforestazione. Ma non è l’unica novità dell’azienda, infatti, Laurini Officine Meccaniche sta promuovendo il lancio di una nuova esperienza di realtà virtuale, in grado di far conoscere da vicino l’azienda, macchine e progetti in una modalità sempre più coinvolgente ed interattiva. Laurini Officine Meccaniche è un’azienda italiana attenta all’avanguardia tecnica quindi, e che fa dell’innovazione il proprio core business.

 

Share