La qualità al primo posto

Vi portiamo a Mont-Saint Guibert in Belgio per descrivervi l'installazione di un nuovo impianto di depurazione delle acque e filtrazione dei fanghi studiato e realizzato da Matec Industries per la multinazionale europea Renewi


Il gigante della gestione dei rifiuti Renewi aveva bisogno di rinnovare la linea di lavaggio sabbie presente nella cava di Mont-Saint Guibert, una delle cave più antiche d'Europa, acquisita dalla divisione del gruppo Renewi Valorisation & Quarry che si occupa della produzione e valorizzazione di sabbie per il ramo delle costruzioni e del vetro.
La linea originaria di lavaggio produceva 200-250 kT/anno di sabbia lavata certificata dall'ente attivo nel settore delle costruzioni BENOR. Trattandosi di un impianto datato era necessario intervenire per migliorarne la capacità produttiva e la qualità del prodotto finale. "Renewi era alla ricerca di una tecnologia all'avanguardia per mettere a norma l'impianto di lavaggio presente in cava e per la depurazione delle acque e la filtrazione dei fanghi", ci spiega Matteo Goich, CEO di MATEC Industries che aggiunge: "Grazie ad un'analisi preliminare del lavoro e del materiale da trattare siamo riusciti a proporre al cliente un progetto vincente in grado di aumentare la quantità del materiale da trattare riducendo gli scarti".
Per questo nuovo progetto, da sviluppare su un'area di 7000 m², erano previsti i seguenti lotti di progettazione e installazione:

  • Lotto 1: linea di lavaggio della sabbia;
  • Lotto 2: unità di trattamento dell'acqua;
  • Lotto 3: filtropressa per fanghi.



Gli obiettivi dell'impianto di lavaggio

Il nuovo impianto doveva garantire una produzione di sabbia lavata di 150 tonnellate/ora; prestando attenzione a proporre una linea che consumasse la minor quantità possibile d'acqua, energia e materiali di consumo (ad esempio il flocculante).
La sabbia lavata, rimuovendo l'argilla dai grani, doveva rispettare le norme BENOR, in particolare, era necessario ridurre la presenza di elementi al di sotto dei 63μm sotto la soglia del 3%, per ogni nastro trasportatore era richiesta, inoltre, una capacità minima di stoccaggio di 4000 m³.
Le richieste specifiche
rivolte a Matec
Le aspettative del cliente per l'impianto erano tante, così come le richieste che il sistema "All in one solution" MATEC doveva soddisfare. Innanzitutto Renewi aveva bisogno di ottenere un prodotto finale di alta qualità con un impianto semplice da utilizzare riuscendo sempre a mantenere sotto controllo il costo totale della macchina e dell'impianto.
Era necessario ottimizzare il tempo di produzione e il tempo dedicato alla manutenzione, alla pulizia e alle riparazioni. "L'impianto, completamente automatizzato, lavora privilegiando la produttività. È stato dimensionato per lavorare sempre 10 ore al giorno. Le manutenzioni si possono effettuare nelle eventuali "ore extra" senza dover compromettere i processi produttivi", commenta Goich.
In due mesi circa, i tecnici MATEC, sono riusciti ad installare l'impianto provvedendo alla formazione del personale Renewi che potrà operare in un ambiente di lavoro perfettamente sicuro.
Vediamo da vicino tutti i lotti di questo impianto da 150 ton/ore, che lavora 20 ton/h di fanghi e depura 500 m³ di acqua l'ora.


Linea di lavaggio della sabbia Aggretec
AGGRETEC è la piattaforma di lavaggio modulare, di rapida installazione di MATEC per un'ampia gamma di settori, tra cui; inerti, riciclaggio, bonifica ed estrazione mineraria. Trattandosi di un sistema semi-mobile e dinamico risulta la soluzione ideale anche per lavorare in cantieri di costruzione e demolizione, integrata con i seguenti elementi:
- 3 Nastri trasportatore.
- Nastro trasportatore rotante.
- Unità di recupero sabbia con ciclone.
- Vaglio vibrante a oscillazione libera.
- Alimentatore a nastro.
- Tramoggia di carico con griglia fissa.
Dalla linea di lavaggio della sabbia AGGRETEC, fuoriesce un prodotto lavato con tre differenti granulometrie: +20 mm, 1-20 mm e 0-1 mm.

 
Unità di trattamento delle acque
L'unità di trattamento delle acque fornito da MATEC a Renewi è costituito da un serbatoio di acqua chiarificata, da un serbatoio dei fanghi e da una stazione di preparazione del flocculante DOSON, il sistema a celle fotoelettriche brevettato da MATEC che permette di controllare e regolare il flocculante in funzione della quantità di particelle solide in sospensione nell'acqua.
Il sistema DOSON preleva regolarmente alcuni campioni di fanghi e li analizza in una camera chiusa utilizzando sensori elettronici, regola la dose del prodotto in funzione della materia in esso contenuta e della velocità di decantazione in quel particolare punto del ciclo. L'acqua viene sempre chiarificata nel miglior modo possibile, inoltre, il sistema è in grado di ridurre il consumo di flocculanti del 30%, completamente automatico non richiedendo l'intervento dell'operatore. A completare l'impianto è stato aggiunto un serbatoio per le acque reflue e un decanter statico verticale. I decantatori verticali MATEC si basano sul principio della decantazione statica e della precipitazione naturale dei solidi sospesi, durante il processo di decantazione le particelle solide si depositano sul fondo della struttura, mentre l'acqua pulita trabocca nel sistema di drenaggio nella parte superiore venendo scaricata in un apposito serbatoio o fossa.


Filtropressa per fanghi 1200x1200 TT2, 80 piastre
Le macchine MATEC possono trattare ogni tipologia di volume e capacità essendo pensate per progetti heavy duty. Automazione, top brand, garanzia 24 mesi, HPT e TT2 Fast sono quello che MATEC può offrire rispetto ad altri.
Il segreto delle filtropresse MATEC è la tecnologia ad alta pressione che permette alla macchina di raggiungere pressioni (16 e 21 Bar) incomparabili sul mercato. Poter operare con questi livelli di pressione permette di trattare anche i fanghi più difficili, ottenendo sempre grandi risultati. Lavorare ad alta pressione significa anche utilizzare componenti migliori e più resistenti, dalla pompa di alimentazione fanghi fino al design stesso della filtropressa.


All in one solution: questione di qualità
"Siamo in grado di porci come interlocutore unico nei confronti del cliente. MATEC INDUSTRIES è un gruppo ben consolidato, presente in tutti i continenti, con sette diverse società che si occupano di:
MATEC, dedicata alla produzione di impianti di trattamento delle acque reflue e di filtropresse;
MATEC WASHING, per lo sviluppo di sistemi personalizzati di vagliatura e lavaggio degli inerti;
MAXTEC, per la produzione di frantumatori mobili per cave e miniere;
MATEC CORPORATION, per la fornitura di parti di ricambio per tutti i macchinari menzionati;
STEELWORKS, dipartimento di ingegneria e post-vendita;
ELETTROMATEC, per l'automazione degli impianti e la teleassistenza;
ALFA POMPE, azienda che produce tutti i tipi di pompe per fanghi e acqua. Per i macchinari dei nostri impianti utilizziamo acciaio inox che permette di ottenere performance superiori e un livello qualitativo più alto", aggiunge Goich. Gli acciai degli impianti MATEC sono garantiti ben 10 anni. MATEC progetta e realizza impianti di depurazione e filtrazione per molti settori: minerario, inerti, ghiaie, sabbie, duplicato, lapideo, cemento, ceramico, vetro e plastica.
Con oltre 350 impianti installati nel mondo negli ultimi due anni, MATEC esporta la cultura dell'eccellenza dall'Italia all'Australia, dall'Europa all'America. Il suo team altamente qualificato sfrutta il proprio know-how per realizzare opere che soddisfino le reali esigenze del cliente e che assicurino affidabilità e sicurezza nel tempo, nel massimo rispetto delle normative vigenti e dell'ambiente. Il case history dell'impianto installato per Renewi, in Belgio, è il simbolo del modus operandi MATEC, un'azienda che ha fatto del rigore metodologico e della fornitura di tecnologie all'avanguardia la chiave del proprio successo.


Stati di avanzamento e pianificazione del progetto

  • Analisi funzionale
  • Inizio del design del progetto
  • Fornitura delle informazioni necessarie per lo sviluppo del sito
  • Test del prodotto
  • Revisione del design
  • Inizio della produzione
  • Test FAT (Factory Acceptance Tests)
  • Inizio della consegna e del montaggio
  • Avvio a freddo
  • Test SAT (Site Acceptance Tests)
  • Periodo di prova
  • Conclusione del progetto