Anepla e Federbeton: velocizzare gli iter burocratici per l’installazione di impianti fotovoltaici

Anepla e Federbeton hanno intrapreso un'azione di sensibilizzazione del Governo sul tema del fotovoltaico in cava partendo dalla sconcertante constatazione che solo il 2,7% delle istanze protocollate sono state concluse in via definitiva, l'1,7% è in fase conclusiva mentre il 76% bloccata in fase di istruttoria tecnica per analisi di contenuti.

Lo scopo dell'azione intrapresa è di ottenere iter burocratici più veloci per gli impianti fotovoltaici in cava per favorire la transizione verso le energie rinnovabili in Italia.

Le cave dismesse rappresentano un'opportunità immediata: destinare queste aree all'installazione di impianti fotovoltaici permetterebbe un'accelerazione delle strategie di decarbonizzazione dei settori cosiddetti hard to abate come quello del cemento che, con soli 1000 ettari di superficie, ridurrebbe l'emissione di CO2 di circa mezzo milione di tonnellate.

A oltre un anno di distanza dalla conversione in legge del cosiddetto DL Ucraina (Dl 21 marzo 2022, n.21) che ha introdotto un iter semplificato per installare impianti fotovoltaici, la burocrazia continua a fare da collo di bottiglia: delle 814 istanze protocollate relative alle sole iniziative fotovoltaiche, solo il 2,7% sono state concluse in via definitiva, l'1,7% è in fase conclusiva di predisposizione del provvedimento e il 76% bloccata in fase di istruttoria tecnica per analisi di contenuti (dati del Ministero dell' Ambiente).

«La possibilità di installare impianti fotovoltaici nelle cave dismesse apre a importanti possibilità per la decarbonizzazione, soprattutto se si parla dei settori cosiddetti Hard to Abate. Usufruire di energia da fonti rinnovabili puntando su territori idonei all'installazione di impianti fotovoltaici, garantirebbe un risparmio potenziale in termini di emissioni di oltre il 5%. Ma non solo: le estensioni di cava in prossimità degli impianti di produzione, renderebbero gli stessi autonomi dal punto di vista dell'approvvigionamento energetico. Oltre al vantaggio per la decarbonizzazione, si eviterebbero i rischi derivanti dall'instabilità dei costi energetici. La perdita di competitività dell'industria italiana va, infatti, scongiurata in tutti i modi, per garantire materiali affidabili alle nostre costruzioni - commenta Nicola Zampella, Direttore Generale di Federbeton -.»

«Le cave sono un'attività industriale che, una volta dismessa, si presta alla produzione di energia rinnovabile. A conferma della vocazione delle aree estrattive alla riconversione alla produzione energetica, e dell'importante ruolo che potrebbero svolgere nel campo della decarbonizzazione, si è espresso lo stesso Legislatore nazionale che le ha individuate come "aree idonee" all'insediamento di impianti fotovoltaici. - aggiunge Francesco Castagna, Direttore di Anepla - I dati evidenziano chiaramente come sia imprescindibile un forte intervento di riorganizzazione, a partire dalla fase istruttoria in sede di Valutazione d'Impatto Ambientale (VIA), affinché la fase burocratica non finisca, ancora una volta ed al di là delle buone intenzioni di partenza, a determinare un "collo di bottiglia" che penalizzi, invece che sostenere, le migliori e più lungimiranti iniziative imprenditoriali capaci di garantire i target italiani di energia rinnovabile da raggiungere entro il 2030».


Altri contenuti simili

EVENTI

Cava Cabe srl - Borghi (FC) - 23 maggio 2024La nuova gestione della cava e dei suoi processi - casi...

COLLABORAZIONI

ANEPLA sarà presente, anche in questa edizione come ormai tradizione da decenni, al Salone del Movimento Terra sia con un’iniziativa...

COLLABORAZIONI

Il tema dell’energia sta diventando sempre più importante per il settore estrattivo, sia sotto il profilo del controllo dei costi...