Una gru Niederstätter a spasso tra i canali di Venezia

Si è trattato proprio di un lavoro di squadra il progetto di trasporto e montaggio di una gru Liebherr 65 K.1 nel centro storico di Venezia presso il cantiere del Palazzo Donà Giovanelli.
L'azienda Niederstätter SpA, che si occupa di servizio gru con sedi in tutto il nord Italia, in collaborazione con l'Ing. Nicola Ferrari e l'azienda di commercio materiale da costruzioni Ivano Boscolo Bielo Srl, è riuscita a portare la gru fino al cantiere di destinazione tra pittoreschi vicoli e strettissimi spazi di manovra

Palazzo Donà Giovannelli - un palazzo storico del XV secolo, simbolo della città, che al suo interno conserva preziose decorazioni architettoniche - sarà ristrutturato per diventare un hotel di lusso. La struttura è stata acquistata dal gruppo Barletta e l'hotel sarà gestito dal marchio Rosewood Hotels & Resort. La progettazione e la Direzione Lavori è stata affidata al team internazionale composto dagli studi Culture in Architecture dell'architetto Aline Asmar d'Amman di Parigi, H&A associati e MetroPlan di Venezia.

Il Gruppo Barletta si era affidata alla Niederstätter SpA per noleggiare una gru che fosse adatta proprio a questo particolare cantiere sito nel centro storico di Venezia. Erano coinvolti anche la Artigiani Doria Snc, Garbuio Srl e Ricci SpA. Il team di consulenti e tecnici Niederstätter ha individuato nella gru Liebherr 65 K.1 la soluzione ideale per soddisfare ogni esigenza di questo importante progetto di costruzione. La Liebherr 65 K.1 è una gru automontante estremamente innovativa, progettata per essere una delle macchine più dinamiche, flessibili e duttili sul mercato.

La pianificazione delle operazioni di trasporto navale di questa gru, attraverso gli stretti canali del centro storico di Venezia, è stata una grande sfida. Bisognava valutare attentamente ogni singolo fattore tra cui gli spazi stretti tra gli edifici storici, i movimenti ciclici della marea e il bilanciamento del carico.
Niederstätter SpA ha quindi elaborato un piano strategico d'azione insieme all'Ing. Nicola Ferrari e all'azienda Ivano Boscolo Bielo Srl. Un progetto estremamente complesso e di precisione che è stato portato a temine nella notte tra giovedì 26 e venerdì 27 novembre nel centro storico di Venezia, superando agilmente ogni difficoltà, grazie al lavoro di squadra, alla pianificazione preventiva delle operazioni e alla grande professionalità degli operatori, che in ogni momento sono stati impeccabili.

La gru, una volta arrivata a Venezia via terra nella zona di carico nel Canale della Scomenzera, è stata subito caricata su un pontone, una piattaforma galleggiate di trasporto lunga 22 metri e di 85 tonnellate di portata. Scortato dalle forze dell'Ordine, nelle ore serali il pontone è partito, con il suo prezioso carico, via Canale Giudecca per poi imboccare il Canal Grande, sottopassando il ponte di Rialto, per giungere fino al Rio di Noale, un rio largo 8,1 metri, solo mezzo metro in più del pontone. I momenti di ingresso nel canale e di scarico della gru sono stati i più critici.

È servita tutta la maestria, la precisione e l'esperienza degli esperti tecnici Niederstätter e del personale della Ivano Boscolo Bielo Srl, coadiuvati dall'ingegnere Ferrari che si occupava del bilanciamento del pontone.
Il progetto è stato studiato nei minimi dettagli, considerando anche la marea. Infatti, l'unico orario possibile in cui svolgere l'operazione di trasporto in piena sicurezza era nella fascia oraria tra le 20 e le 21, momento in cui la marea era abbastanza bassa per garantire il passaggio in piena sicurezza della prua della piattaforma galleggiante sotto il ponte pedonale di Strada Nova.

Arrivati a destinazione, la gru, scaricata dal pontone, è stata pilotata comodamente sulle assi "Gapo" fino in cantiere. Il montaggio della gru del peso di 17,3 tonnellate si è svolto comodamente senza l'ausilio di autogrù, essendo la Liebherr 65 K.1 una gru automontante dotata del bozzello di zavorramento. Con l'estensione del braccio, la Liebherr 65 K.1 può raggiungere agilmente e in piena sicurezza distanze fino a 43 m. La funzione Load Plus consente di aumentare la capacità di carico fino al 20%, mentre con la funzione Micromove è possibile posizionare carichi pesanti con precisione millimetrica. Sono stati inoltre forniti due elementi di torre per portare la gru a un'altezza sottogancio di 27,4 m. Liebherr è un marchio rinomato a livello internazionale che offre gru di prestazioni elevatissime e senza eguali.

Il motivo per cui è stata scelta Niederstätter SpA per la fornitura di questo difficile servizio risiede nell'alta competenza che l'azienda e i suoi collaboratori hanno maturato negli anni nel campo delle gru e della pianificazione avanzata. Azienda leader nel settore del mercato dei macchinari edili, Niederstätter possiede infatti una solida esperienza nella pianificazione dell'operato delle gru, nell'assemblaggio delle sue singole parti e nella progettazione di precisione per garantire servizi rapidi, sicuri ed esclusivi nel mondo della cantieristica civile, industriale e stradale.

Photo: ©Erik Bohr