Tra Scilla e Cariddi

Una località rinomata, un lavoro delicato e dei professionisti del settore. Sono questi gli elementi chiave della messa in sicurezza della parete rocciosa che la società Sirianni Srl sta operando sulla SS18 con i macchinari forniti da Air Service Srl

Scilla, un luogo suggestivo di rara bellezza il cui nome richiama il mito della splendida ninfa trasformata in un mostro dalla gelosia della maga Circe. Secondo i Greci la sua presenza, e quella di Cariddi dall'altro lato dello stretto, costituiva un pericolo mortale per tutti i viaggiatori che prendevano il mare.
Se un tempo le insidie arrivavano dal mare, oggi i viaggiatori moderni si trovano ad affrontare su strada ben altri pericoli.

Vi portiamo sulla Costa Viola, una delle zone più belle d'Italia, dove la Sirianni Srl è impegnata nei lavori di messa in sicurezza della parete rocciosa sulla SS18, nel tratto tra Scilla e Bagnara Calabra (RC).
Per questi lavori ha scelto come unico fornitore tecnologico Air Service Srl, sinonimo di affidabilità e professionalità dal 1985.

"Tutte le attrezzature ci sono state fornite da Air Service Srl. Da subito, grazie al personale qualificato, sono stati in grado di consigliarci i macchinari migliori per il tipo di intervento che dovevamo affrontare", ha sottolineato Felice Sirianni, Direttore Tecnico della Sirianni Srl.
La zona è stata anche in passato oggetto di attenzione e d'intervento a causa dei fenomeni franosi che hanno coinvolto il versante collinare che sottende la strada statale.

La Sirianni Srl, che da più di vent'anni si occupa di manutenzioni stradali, prestando particolare attenzione al settore della sicurezza, ha iniziato i lavori di consolidamento della scarpata la prima decade di gennaio stimando di concluderli per fine maggio.

Per questo cantiere erano previste due tipologie di lavorazioni che rientrano sempre nell'ambito della protezione di scarpate, l'applicazione di reti paramassi in aderenza alla scarpata e l'installazione di barriere paramassi.
Nel primo caso con delle tecniche di perforazione sono state eseguite delle chiodature in parete fissando le reti con dei cavi d'acciaio. Mentre per le barriere paramassi si è proceduto prima alla realizzazione dei micropali di fondazione con lunghezze variabili sottoterra di 5-6 metri, inseriti nel terreno tramite dei fori di 10 cm di diametro.
Le barriere paramassi hanno dei montanti in acciaio che restano quasi perpendicolari alla scarpata dove vengono posizionate le barriere elastomeriche che impediscono la caduta dei massi.

Le perforazioni sono state eseguite con due Slitte Marini Quarries Group MCDP 80, slitte da perforazione con motore di avanzamento pneumatico a pistoni a cui si possono applicare martelli fondo foro fino a 4''.
Le slitte sono state collegate ai motocompressori Doosan Portable Power 10/125 - 14/115 da 12.500 litri tramite tubi che trasportano aria. Conforme alla normativa Stage V, questo modello di compressore ad aria monta un motore Cummins F3.8 a 4 cilindri ed è in grado di erogare una portata d'aria libera compresa tra 11,3 e 12 m3/min., con pressione nominale di esercizio compresa tra 10,3 e 13,8 bar.
Per questa piattaforma è prevista la doppia modalità con la possibilità di cambiare le impostazioni di pressione e portata durante il funzionamento del compressore, creando una portata d'aria bassa con alta pressione o una portata d'aria alta con bassa pressione.

Il nuovo motore Cummins stage V è dotato di sistema post-trattamento e contenitore singolo per migliorare e semplificare la manutenzione senza che sia richiesto l'intervento del cliente, in quanto la rigenerazione si attiva automaticamente.

Tutti i modelli della linea Doosan Portable Power garantiscono i più elevati livelli di durata e produttività.
Necessario per i lavori anche il perforatore Toyo KRD850 della Sandvik, una versione ridotta della perforatrice da roccia di peso medio RD855, che si caratterizza per l'eccezionale tasso di penetrazione e per le tecniche incorporate a livello di materiali e nella meccanica del perforatore che lo rendono più resistente.
"Il modello KDR850 mantiene le stesse caratteristiche del RD855, l'unica differenza è i componenti di controllo per percussione, rotazione e soffiaggio non sono presenti poiché il perforatore da roccia viene controllato da una piattaforma", ci spiega Giuseppe Toscano, Product Manager di Air Service Srl.

Nonostante sia una macchina di peso medio il tasso di penetrazione del KRD850 è elevato anche rispetto ai perforatori pesanti, mentre il sistema a flusso diretto nella valvola rende eccellente l'efficienza dell'aria. Il pistone da 85 mm di diametro e la corsa ridotta di 60 mm forniscono percussioni e coppia che superano le altre perforatrici da roccia della sua stessa classe. L'albero e il pistone, sottoposti a un carico di lavoro pesante, sono appositamente trattati termicamente per ridurre al minimo l'usura e prolungare la vita di esercizio. Il dado dell'albero, la boccola della rondella anteriore e il dado del manicotto in cui si innestano sono invece realizzati in bronzo fosforoso di alta qualità.

Fornito sempre da Air Service Srl anche il gruppo di pompaggio di iniezione alimentato ad aria della Clivio Srl, società di Parma specializzata in impianti stradali di betonaggio. Facile da trasportare e di semplice manutenzione è ideale per essere utilizzato in ogni cantiere.
L'impianto Clivio consente di trasportare, grazie ai tubi, le miscele cementizie in quota per essere poi applicate sulla parete, sigillando i fori.
Quattro sono gli operai rocciatori che stanno lavorando al cantiere. "Si tratta di lavori delicati che vanno eseguiti nelle condizioni migliori. Per questo i nostri operai sono stati dotati di tutti i dispositivi di sicurezza del caso oltre che di una formazione professionale specifica", ci ha spiegato Felice Sirianni.

I rocciatori, impegnati nel cantiere 8 ore al giorno, lavorano con imbracature da alpinisti, scarpe da scalata, caschi con visiera integrata, guanti e ovviamente mascherine nel rispetto delle normative anti Covid19.
Fondamentale in questi casi è poter contare su un fornitore in grado di risolvere eventuali problemi nel minor tempo possibile. "Air Service si sta rivelando un partner affidabile ed efficiente. Il capo cantiere in caso di problemi può effettuare l'ordine direttamente dal cantiere e in un paio di giorni gli vengono forniti i pezzi di ricambio. Essendo il nostro unico fornitore segue tutte le attrezzature impegnate sul cantiere, questo ci consente di risparmiare tempo e di non dover bloccare i lavori".
Lavori che vengono effettuati nel rispetto dell'ambiente circostante. "Da un lato garantiamo la sicurezza del transito e dall'altro stiamo attenti a non danneggiare esteticamente questi costoni situati in zone di interesse turistico", conclude Felice Sirianni.

Sirianni Srl
La Sirianni è diventata nel corso degli anni una importante realtà produttiva, specializzata in diversi settori tra i quali:
• fornitura e posa in opera di barriere stradali di sicurezza;
• fornitura e posa in opera di barriere e reti paramassi;
• fornitura e posa in opera di barriere antirumore;
• ripristino, rinforzo (corticale e strutturale) e protezione di opere in c.a. mediante l’uso di tecnologie innovative con l’impiego di materiali conformi alla normativa Europea EN 1504.


Altri contenuti simili

CAVE & CANTIERI

Air Service ha fornito alla DFC Costruzioni una trivella Casagrande C3XP-2, una trivella Casagrande C5XP-2, un martello Fondo Foro Sandvik...

CAVE & CANTIERI

Visita al cantiere sulla A18 Messina-Catania dove l’impresa catanese Cospin srl è al lavoro per la messa in sicurezza del...

MACCHINE

Produttività, affidabilità e sicurezza. Sono queste le parole chiave del martello demolitore Montabert V45 che abbiamo visto all’opera a Monopoli...